Incontro: Nuovi modi di gestione delle demenze: Il “Rinascimento” parte dalla Toscana

Incontro: Nuovi modi di gestione delle demenze: Il “Rinascimento” parte dalla Toscana

Firenze, 21 Novembre 2018 Centro “Il Fuligno”, Via Faenza 48 – Sala “Blu”.

con la partecipazione dell’Assessore Regione Toscana Stefania Saccardi

 

“NUOVI MODI DI GESTIONE DELLE DEMENZE – un circuito eco-psico-sociale innovativo per una migliore qualità di vita nelle fragilità e nelle demenze”

 

Nella odierna situazione a tutti nota di evoluzione esplosiva, attuale e futura,  dei contesti sociali e demografici appare indispensabile ripensare drasticamente i percorsi socio sanitari ed assistenziali in essere per garantire contemporaneamente appropriatezza e sostenibilità degli interventi.

 

La “società liquida” richiede risposte solide che riescano a dare tranquillità a chi si prende cura di un proprio familiare anche affidandolo a caregiver professionali, professionisti ed organizzazioni .

 

Bisogna quindi provare ad andare oltre la semplice innovazione di processo/servizio per andare verso una innovazione di rottura (disrupting innovation) che in ambito sociale vuol dire trovare i modelli di governance necessari per creare una sussidiarietà circolare, che metta cioè la sfera degli enti pubblici e il blocco imprenditoriale e quello del Terzo settore in condizioni, non solo di dialogare, ma di progettare e gestire insieme tutta una serie di servizi nell’ambito del welfare, inteso in senso ampio: questa è anche la via che ha intrapreso la Regione Toscana per stimolare la progettualità in ambito socio sanitario.

 

In questa visione si può propriamente parlare di “Rinascimento” ovvero di una ri-nascita che porti attraverso l’interazione tra pubblico, privato impresa e privato sociale alla creazione di nuovi modelli di assistenza che, senza buttare via il buono che è stato fatto, riescano a dare risposte esaustive alle crescenti e sempre più complesse esigenze dei cittadini e degli operatori.

 

Con questa giornata il Centro Studi ORSA  vuol portare esempi ed esperienze di alcuni nuovi o rinnovati progetti/percorsi/ strumenti in cui appunto si intrecciano enti pubblici, privato puro e privato sociale per tentare di trovare , ognuno all’interno della propria mission e della propria vision, la via per raggiungere un obiettivo comune: migliorare la qualità della vita di anziani, familiari ed operatori nella consapevolezza che lo star meglio di ognuno di questi tre attori contribuisce allo star meglio degli altri due.

 

Si deve creare una filiera di presa in carico dell’utente e della famiglia, filiera che svolga una attività di riabilitazione continua che attenui il malessere di tutto il nucleo familiare intervenendo sin dai primi sintomi: le persone devono sapere che possono  rivolgersi alle diverse strutture e servizi esistenti non solo in stadi più o meno avanzati della malattia, ma anche appena hanno il dubbio di avere qualcosa perché ci sarà qualcuno in grado, direttamente o indirettamente, di costruire la risposta appropriata per ciascuno, attivando un percorso virtuoso di diagnosi precoce, con tutti gli effetti positivi che questa comporta.

 

E quale Regione meglio della Toscana per parlare di Rinascimento?  In questo incontro infatti si presentano due esempi di progetti innovativi finanziati dalla Regione Toscana direttamente (Atelier Alzheimer) o tramite Fondi Europei (Novifra). La Toscana è una regione all’interno della quale si avviluppano modelli assistenziali  arcaici assieme a modelli fortemente innovativi, una sorta di Terra di Mezzo, ma anche un terreno fertile dove opera una gran quantità soggetti con la voglia di sperimentare soluzioni integrate veramente nuove e dove l’Ente Pubblico, per quanto nelle sue possibilità, incentiva lo sviluppo e l’applicazione di nuovi approcci terapeutici.

 

PROGRAMMA

ORE 9,00 – Registrazione partecipanti

ORE 9,15 -Presentazione della giornata Moderatore: Francesco Manneschi

ORE 9,30 – Nuove modalità di presa in carico nella struttura dell’anziano con demenza – (relatore coop. nomos) Dott.ssa Elena Poli

ORE 10,00 – La comunicazione possibile nelle demenze: il metodo VALIDATION” – Dott.ssa Giuseppina Carrubba

ORE 11,00 – Pausa Caffè

ORE 11,00 – “Atelier Alzheimer”: gli esiti un progetto sperimentale finanziato dalla Regione Toscana – Relatori Orsa Dott.ssa Gaia Guidotti , Prof. Stefano Taddei

ORE 12,15 – NOVIFRA, un progetto toscano finanziato POR CREO: lo “Habitat terapeutico”, sensorialità come veicolo per trasporto di emozioni – Marcello Barbafiera

ORE 13,00 – PAUSA PRANZO

ORE 14,00 – Intelligenza emotiva e life skills – Relatore ORSA Dott.ssa Sara Cerbai

ORE 14,45 – Saluti dell’Assessore al Diritto alla salute, al welfare e all’integrazione socio-sanitaria e sport – Dott.ssa Stefania Saccardi

ORE 15,15 – Metodologie e obiettivi di una nuova terapia ambientale per la demenza: progettazione Me.di.Tè – Arch. Carlotta Ferri

ORE 15,45 – Palestra cognitiva, emozionale e riabilitativa in natura – Arch. Elena Becheri

ORE 16,15 – Discussione

Il centro Il Fuligno è in via Faenza 48 a pochi passi dalla Stazione di Santa Maria Novella. Saremo ospitati all’interno della Salla “Blu”.

Visualizza la sede sulla mappa di Google per raggiungerci.

 

L’ingresso all’evento è gratuito.

E’ gradita l’iscrizione inviando un mail a info@centrostudiorsa.org

 

 

Condividi questo articolo sul tuo social preferito:

About the author

Articoli correlati

JOIN THE DISCUSSION